Santeramo a 5 Stelle!

Giu 26, 2017 by


E che il nuovo sia!
Il pur giovane Movimento 5 Stelle santermano, cinque anni fa nelle precedenti amministrative non esisteva ancora, ha conquistato il comune di Santeramo al primo tentativo elettorale buttando fuori prima il centrosinistra, al primo turno, e poi sovrastando nettamente il centrodestra al ballottaggio! E la nostra cittadina è diventata subito pentastellata.
I festeggiamenti sono iniziati dopo circa una mezz’ ora dalla chiusura dei seggi, e quindi dall’ inizio dello spoglio, quando dai dati che arrivavano dalle varie sezioni scrutinate alla sede del movimento si è capito che il divario con Nuzzi era netto e che non sarebbe stata possibile una rimonta. Infatti dai risultati finali del secondo turno si evince che Baldassarre ha doppiato Nuzzi, per numero di consensi, in 19 sezioni su 23. In alcune lo scarto tra i due è stato addirittura di 400 voti.
E così è scoppiata la festa dei grillini in via Netti, all’ altezza del quartier generale dei 5 Stelle: tra loro tanti i giovani che esultavano e cantavano.
In questo secondo turno delle amministrative Fabrizio Baldassarre ha ottenuto il consenso del 70,14 % dei cittadini (8710 preferenze), ha subissato di voti l’altro candidato Nuzzi fermatosi al 29,86% (3708 preferenze). Hanno votato per Baldassarre quasi il triplo degli elettori di Nuzzi.
Al turno di ballottaggio sono andati a votare 12818 santermani (il 53,94% della totalità degli elettori), quindi sono stati 3699 i cittadini che non si sono recati alle urne rispetto all’11 giugno: forse al mare, forse non interessati perché il proprio candidato era stato già eliminato al primo turno, forse a rosicare in attesa di tempi migliori.
Al primo turno la percentuale dei votanti si era attestata sul 69,51%. Il non andare a votare di molti cittadini si è notato particolarmente nella sezione 13 dove su 1026 elettori hanno votato solamente 233 persone.
Anche in queste votazioni Santeramo si è attestata al di sopra di tutte le statistiche: della affluenza nazionale, 46,03% al ballottaggio e 58% al primo turno, della affluenza regionale, 46,24% al ballottaggio e 64,83% al primo turno, e della affluenza della città metropolitana di Bari ( ex provincia di Bari), 50,58% al ballottaggio e 65,32% al primo turno.
E così la nostra cittadina va a raggiungere la pentastellata Noicattaro per quanto riguarda la città metropolitana di Bari. C’è da aggiungere anche che oltre a Santeramo un candidato 5 Stelle era al ballottaggio anche nei comuni pugliesi di Canosa e Mottola. Anche lì ha primeggiato il Movimento 5 Stelle anche se con percentuali minori rispetto al nostro paese.
Quello di Santeramo e degli altri 2 comuni pugliesi è un risultato in controtendenza rispetto al panorama nazionale: nelle città capoluogo, infatti, i 5 Stelle non hanno conquistato lo scranno del sindaco.
Le considerazioni di questa seconda tornata amministrativa sono ben evidenti: Nuzzi ha preso appena 216 voti in più rispetto al primo turno mentre Baldassarre ha ‘maramaldeggiato’ prendendo ben 5241 voti in più. Una enormità.
Su questa scelta ha influito sicuramente il voto di quelli che l’11 giugno avevano votato sia per D’Ambrosio che per Larato. Quest’ultimo aveva dato libertà di voto ai suoi seguaci mentre D’Ambrosio ha fatto il sornione finché ha potuto in queste due settimane di attesa del ballottaggio. Negli ultimi giorni prima del silenzio elettorale di sabato 24 giugno ha affermato, riferendosi soprattutto ai suoi elettori, che lui era per il rinnovamento. A buon intenditor poche parole. Per la destra, invece, Riviello aveva lanciato un diktat ai suoi aficionados: non votare né per uno né per l’altro.
Ora Baldassarre e i suoi consiglieri inizieranno a fare i primi passi verso la istituzionalizzazione della investitura ricevuta.
Ricordiamo come saranno suddivisi i seggi in consiglio comunale: 10 seggi vanno alla maggioranza, il Movimento 5 Stelle. Gli altri restanti sei, quelli della minoranza, sono così suddivisi: un posto ciascuno va ai candidati sindaco Nuzzi, D’Ambrosio e Larato; un seggio al PD con Caponio, un seggio a Direzione Italia con Digregorio, un seggio a Forza Italia con Volpe. I 10 consiglieri 5 Stelle sono: Valeria Stasolla, Maria Anna Labarile, Luciana Volpe, Silvia Fraccalvieri, Andrea  Natale, Francesco Massaro, Francesco Sirressi, Rocco Lillo, Filippo Ricciardi  e Antonio Dimita. 

 

Copia di IMG_2320

 

Con il neo sindaco Baldassarre abbiamo scambiato due parole che qui sotto riportiamo.

Qual è il tuo commento a caldo sul risultato del ballottaggio?

Grande soddisfazione ed un risultato netto che pone una grande sfida per il mio ruolo di sindaco e quindi grandi aspettative per quello che il Movimento 5 Stelle può fare a Santeramo. È un importante cambiamento nella prospettiva della gestione di questo comune.

Quando avete avuto i risultati finali?

Già dopo la prima mezz’ora avevamo un trend che era abbastanza netto in termini di distacco. Matematicamente era impossibile da colmare.

Da quando hai iniziato questa avventura avresti mai immaginato di vivere questa conclusione?

Non immaginavo di arrivare a questo risultato straordinario.
Ci speravo ovviamente, ma non pensavo in questa proporzione. Immaginavo che sarebbe stata una sfida impegnativa e lo è stata. Era la prima volta che mi cimentavo in attività politica, in campagna elettorale, e devo dire che è stata una esperienza bella, straordinaria e sicuramente molto positiva.

Ti hanno fatto i complimenti i tuoi referenti del 5 Stelle?

Sono arrivati messaggi di congratulazione dai portavoce in consiglio regionale, c’era qualcuno anche qua presente. Ci sono stati anche messaggi da parte di persone che sono state ospitate ai nostri comizi.

Avete definito la giunta?

No, non ancora. Nei prossimi 2-3 giorni ci metteremo al lavoro per completare il processo di selezione. Comunicheremo a breve quale sarà la composizione della giunta.

Quali saranno i tuoi primi passi adesso?

Oggi ho già un primo appuntamento a Bari perché c’è da incamerare un finanziamento di 300mila euro per la struttura sportiva del campo Casone in continuità con la precedente amministrazione. Iniziamo a smuovere qualcosa anche da questo punto di vista.

La prima azione che farò è quella di pulizia, di decoro della città e quindi gestione dell’igiene che, soprattutto d’estate, manca.

Quando sarà ufficializzata la tua carica da sindaco?

Ci saranno degli atti formali che, essendo la prima volta che lo faccio, non so esattamente quali saranno, ma nei prossimi giorni ci sarà la proclamazione e il giuramento.

 

Vito Silletti

 

Le foto dell’articolo sono di © Marcelo Di Gesù che ringraziamo.

Related Posts

Tags

Share This

Sponsor

copertina_edicola

copertina_edicola